Oggi

Il maestro del commercio, Mauro Pomarè, da un servizio accurato e professionale, con una consulenza specifica sui tanti prodotti presenti nel suo negozio.

La ditta ha pluriennale esperienza nel settore della vendita al dettaglio di ferramenta e casalinghi. Nel corso degli anni si è ampliata andando a proporre anche articoli per il giardinaggio, l'Idraulica , l'antinfortunistica, elettroutensili, motoseghe (con possibilità di assistenza),  decespugliatori, rasaerba, materiale elettrico, vernici e i colori.

Le nostre vetrine sono sempre aggiornate e cambiano aspetto con il cambio di stagione esponendo gli articoli più adatti al momento.

Vi aspettiamo nel nostro negozio di Campolongo per cercare di accontentare ogni vostra richiesta grazie alla vasta gamma di articoli esposti oppure ordinandoli direttamente ai nostri fornitori.

La Storia

Nella casa del nonno Tita (Quattrer De Lorenzo Giovanni Battista, chiamato "Pila"), di professione calzolaio, si stava un pò stretti: la famiglia era piuttosto numerosa, e così Lino e la moglie Maria Lucilla Grandelis Péte, entrambi classe 1899, sposatisi nel 1922, decisero di seguire il vecchio proverbio: fögo, lögo e polenta da sói, e andarono ad abitare nelle stanze che lei possedeva vicino al forcàl. Al 30 giugno 1932 Quattrer Lino risultava iscritto nell'elenco delle ditte industriali e commerciali del Consiglio e Ufficio Provinciale dell'Economia Corporativa di Belluno per la vendita di ferramenta, vetrerie e cristallerie, terraglia e porcellane, articoli di cartoleria. Sistemata nel fabbricato che diventò con il tempo sede dell'ufficio postale (l'ultimo!), la bottega era gestita da Maria, aiutata dalla figlia Bruna che si occupava sopratutto di ordinare la merce. Lino, infatti, che già aveva lavorato nella segheria di Rodolfo Quattrer a Ponte Cordevole, dopo la seconda guerra mondiale si era dedicato al settore del legname, in particolare alla produzione e al commercio di tondini. Non solo, ma era anche "collettore postale" (censimento 1937-40). Nei primi anni '50 il negozio fu trasferito nella casa di proprietà di Lino: qui i locali prospicienti la strada nazionale erano utilizzati come ufficio postale, quelli posteriori per la vendita di terraglia e casalinghi, e Filomena ("Menuta") stava dietro il bancone. Nel '62, a seguito di lavori di ristrutturazione, la posta ritornò nella sede precedente, il negozio fu ampliato e Menuta continuò la sua attività con grande dedizione e laboriosità. A lei successe come titolare nel 1991 il figlio Mauro, che ancora oggi porta avanti con impegno e serietà l' "eredità" di famiglia.

(Articolo tratto dal calendario "Un tuffo nella storia di Campolongo")